donna al pc con caffè e scritta parole chiave come trovare quelle giuste

Parole Chiave: come trovare quelle giuste

Le parole chiave e come trovare quelle giuste per la nostra attività sono uno degli aspetti più interessanti di una strategia SEO. Ti permettono di comprendere davvero il tuo target per provare ad attirare la sua attenzione. Ma come facciamo a capire quali sono? Nell’articolo ti svelo i consigli che seguo sempre quando inizio a lavorare a un nuovo progetto. Sei pronta a scoprirli?

 

donna alla scrivania con caffè e scritta donna al pc alla scrivania con scritto Parole Chiave: come trovare quelle giuste

 

Quali argomenti troverai:

    1. Parole Chiave: cosa sono?
    2. Indivua il tuo target
    3. Cerca ispirazione
    4. Come trovare le Parole Chiave giuste

Parole Chiave: cosa sono?

Partiamo dall’inizio, cosa sono le parole chiave? Immagina di entrare su un motore di ricerca, ad esempio Google. Quale è la prima azione che esegui? Quasi sicuramente scriverai nella barra di ricerca cosa vuoi cercare. Ad esempio, per arrivare su questo articolo avrai digitato “parole chiave come trovarle”. Queste parole, la tua ricerca, sono la tua parola chiave.

Ogni frase ha quindi delle caratteristiche specifiche che la contraddistinguono: 

  1. Può essere più o meno specifica
  2. Può essere ricercata da più o meno persone
  3. Può avere un intento di ricerca diversa

Comprendere queste caratteristiche è il primo passo per strutturare la tua Ricerca delle Parole Chiave.

Ti ho appena spiegato che ogni parola chiave ha delle sue caratteristiche peculiari, ma quali sono nel dettaglio? 

1.La specificità

Una parola chiave può essere più o meno lunga e di conseguenza più o meno specifica.

Facciamo un esempio. Se cercassi “parola chiave” starei eseguendo una ricerca molto generica. Non ho una domanda precisa in mente, voglio solo farmi un’idea generale su questo argomento. 

Cosa comporta questo?

Sicuramente avrò moltissimi risultati a mia disposizione tra cui scegliere, e quindi dal punto di vista di chi scrive la competizione è più spietata. Allo stesso tempo però, Google non riesce a comprendere esattamente cosa io voglia, e per questo motivo selezionerà contenuti diversi per cercare di indovinar i miei bisogno, e potrebbe accadere che sbagli. 

Dal punto di vista di chi pubblica gli articoli, questo vuol dire che il suo contenuto sarà visto più spesso (maggior numero di impression) ma i click potrebbero essere di meno o, una volta entrati gli utenti, non trovando ciò che desiderano, andranno via (maggior numero di abbandoni)

Esistono altre parole chiave, più lunghe e specifiche, come ad esempio “parole chiave come trovare quelle giuste”. In questo caso ho chiarito meglio cosa mi interessa e cosa vorrei trovare nella mia pagina dei risultati. Inoltre, ci saranno meno persone desiderose di cercare lo stesso termine, diminuendo la competizione

Più la parola chiave è dettagliata, più sarà semplice posizionarsi ma al tempo stesso meno persone la ricercheranno. 

 

2.Volume di ricerca

schema parole chiave Devi sempre essere attenta a non scegliere per la tua strategia solo parole chiave senza un discreto volume di ricerca, altrimenti nessuno atterrerà sul tuo sito!

Questi due generi di parole chiave hanno un nome tecnico:

PAROLE CHIAVE A CODA CORTA (o short-tail keyword): parole chiave più generiche, con volume di ricerca maggiore e maggiore competizione. Riuscire a posizionarsi con loro deve sempre rimanere un tuo obiettivo ma devi stare attenta ai lettori non in target.

PAROLE CHIAVE A CODA LUNGA (o Long-tail Keyword): parole chiave più specifiche, con volume di ricerca minore e più facilità di posizionamento, anche rispetto a siti più autorevoli del tuo. Utilizzale per posizionare un buon numero di articoli e attirare traffico in target.

Quale è la soluzione giusta?

Trova il tuo equilibrio. Entrambe le parole chiave sono importanti per il tuo sito, e una buona strategia di ricerca deve includere entrambe le tipologie, per riuscire a sfruttare i benefici di entrambi i gruppi senza rischiare di non comparire mai in prima pagina, o di attirare un numero troppo esiguo di lettori. 

 

3.L’intento di Ricerca

Esiste un altro metodo per classificare le parole chiave, ossia il motivo per cui le ricerchiamo, anche nominato l’intento di ricerca (o Search Intent).

Facciamo un altro esempio! 

Decido di cercare su Google “SEO per principianti”. Il motore di ricerca, prima di mostrarmi i risultati scelti, si inizia a domandare cosa io possa volere.

Voglio avere delle informazioni sulla SEO per principianti? Se decide che in base alle mie ricerche questo è il mio intento, potrebbe selezionare degli articoli, come ad esempio la mia Guida SEO per piccoli business che mi diano tutte le spiegazioni che desidero. 

Potrei però aver eseguito questa ricerca perché desidero acquistare un corso base per la SEO. In questo caso quindi il mio intento di ricerca è diverso, desidero comprare qualcosa, e quindi mi aspetto risultati diversi.

Se Google intercetta il mio desiderio, potrebbe mostrarmi contenuti come il mio corso SEO gratuito “primi passi”

Diversi intenti di ricerca creano quindi diverse pagine dei risultati, con caratteristiche specifiche in base a ciò che desideriamo. 

 

un computer e un campo di ricerca con scritto parole chiave

 

Per riassumere, esistono 3 tipi di intenti di ricerca e quindi di parole chiave.

Informazionali: desidero ricevere delle informazioni. I risultati che scelgo saranno probabilmente articoli di blog.

Transazionali: desidero acquistare un servizio o un prodotto. I risultati saranno molto probabilmente delle schede prodotto.

Navigazionali: conosco il sito che voglio visitare, e lo ricerco direttamente. 

Anche in questo caso ti consiglio, a secondo del tuo sito, di cercare di posizionarti per diversi intenti di ricerca, in modo da comparire su più pagine dei risultati possibili!

 

Ora che abbiamo visto con più chiarezza cosa sono le parole chiave, possiamo cercare di comprendere come trovare quelle giuste per la tua strategia SEO:

Partiamo dal consiglio più prezioso che posso darti: individua il tuo target!

 

1. Individua il tuo target

Individuare il tuo target di riferimento è la prima azione che devi compiere quando inizi a lavorare alla tua strategia. Come abbiamo visto, le parole chiave sono delle ricerche compiute da persone reali, che hanno dei bisogni reali

Google premia con le prime posizioni i contenuti che ritiene:

  • più esaustivi possibili
  • affidabili – il tuo sito deve essere ritenuto autorevole
  • pubblicati su siti ottimizzati

L’unico modo per riuscire ad avere dei contenuti che rispondano a questi parametri è capire effettivamente cosa le persone ricercano online e quali necessità vogliono soddisfare.

Sapere chi è interessato al tuo brand e cosa vuole ottenere è il metodo più efficace per trovare risposta a queste domande.

Descrivi nel dettaglio chi pensi che sia il tuo cliente ideale, quali sono le sue caratteristiche fisiche (età, genere, dove abita) le sue abitudini, il lavoro e le passioni. Prova a capire quali difficoltà potrebbe vivere e come desidera risolvere.

In questo modo, quando inizierai le tue ricerche online potrai individuare con più facilità quali sono le parole chiave che potrebbero interessarlo e iniziare a lavorarci. 

Una volta che i tuoi contenuti sono online e inizi a ricevere traffico, ricordati sempre di studiare il tuo pubblico per capire come migliorare!

Puoi utilizzare diversi strumenti:

  • i tuoi canali social
  • le newsletter e i questionari
  • gli strumenti di analisi che Google ti mette a disposizione, come Google Analytics.

A questo proposito, se non sai come utilizzarlo, ho scritto una Guida su Come Configurare Google Analytics che ti aiuta a muovere i primi passi con più sicurezza!

Cerca Ispirazione

Una volta trovato il tuo target, per capire le parole chiave e come trovare quelle giuste per il tuo progetto devi iniziare a studiare e lasciarti ispirare dagli altri.

Ci sono varie possibilità a tua disposizione.

Studia i tuoi competitor

Nella SEO, non devi considerare i tuoi competitor come nemici da ignorare, ma come alleati preziosi. Riconosci sempre chi sono, analizza cosa fanno meglio di te, e quali invece sono le loro debolezze per trovare un modo nuovo di aiutare il tuo target.

Controlla per quali parole chiave si stanno posizionando con le loro pagine e i loro articoli, perché molto probabilmente i tuoi clienti ideali sono interessati a quelle ricerche!

Attenzione: non devi mai copiare il lavoro degli altri! Non sarebbe professionale e soprattutto utile al tuo brand. Per convincere le persone che tu sei l’opzione migliore, devi trovare il modo di offrire la soluzione più adeguata e renderla personale! Le persone si fidano di altre persone, e ti sceglieranno se riescono a comprendere chi sei.

Lasciati solo ispirare dal loro lavoro, comprendi quale è lo studio dietro alle loro scelte e prova a capire se le loro parole chiave potrebbero essere utili alla tua strategia.

Sfrutta i social

Se possiedi dei social e una community affiatata, puoi parlare direttamente con loro per capire quali sono i loro bisogni più pressanti e le informazioni che vogliono reperire. Crea un elenco delle loro risposte e cerca online quali sono le parole chiave che utilizzano per trovarli.

Un dialogo continuo con i tuoi potenziali clienti è sempre il metodo migliore per scrivere contenuti effettivamente utili!

Vorrei fare un discorso a parte per Pinterest. Questo social è ormai diventato un vero e proprio motore di ricerca di grande ispirazione. Appuntati quali sono gli argomenti suggeriti per il tuo settore, come sono strutturati i contenuti, e quali parole utilizzano, potresti ricavare un lungo elenco di parole chiave giuste per il tuo lavoro!

Facebook ha puntato moltissimo sui gruppi. Ne esistono di ogni genere, di professionisti, legati a una necessità, a una passione… le scelte sono infinite!

Prova a comprendere a quali di questi potrebbero essere iscritti i tuoi clienti ideali e leggi le domande poste per individuare le parole chiave giuste!

Anche i gruppi di professionisti del tuo settore sono molto utili, perché ti permettono di confrontarti con persone che si trovano nella tua stessa situazione e le conversazioni che nascono possono essere molto interessanti!

 

Parole chiave: come trovare quelle giuste per te

Questo consiglio è in parte legato a quello che spiegavo prima.

Dopo aver studiato il tuo target e esserti lasciata inspirare, scrivi una lista di parole chiave che potrebbero interessarti

A questo punto devi analizzarle. Io inizio sempre con lo studio della pagina dei risultati di Google – o SERP: Comprenderla ti permette di capire cosa Google ritiene più adatto a una determinata ricerca.

Poniti sempre queste domande:

  • I risultati che escono sono in linea con il contenuto che voglio creare?
  • Il mio intento di ricerca si rispecchia nei risultati?
  • I siti che compaiono alle prime posizioni sono dei competitor con cui posso relazionarmi o la loro autorevolezza è troppo alta?

A seconda delle risposte che otterrai, puoi valutare caso per caso se vale la pena provare a creare un contenuto che si posizioni per quella parola chiave o se è meglio cercare una variante.

Ricordati quello che ti dicevo nei paragrafi precedenti: occorre sviluppare una strategia di content marketing che contenga un mix di parole chiave più o meno generiche, con intenti di ricerca differenti e che parlino a target specifici.

Prova anche a delineare la struttura dei contenuti e immaginare come potrebbero collegarsi tra di loro tramite link interni, per sfruttare al massimo il loro potenziale.

La Ricerca delle Parole Chiave è un lavoro delicato, di equilibrio e studio, che può portare grandissime soddisfazioni. 

Se non sei sicura di come impostarla, sono felice di aiutarti! Controlla i miei servizi sulla Ricerca di Parole Chiave e iniziamo a progettare i tuoi contenuti!

Se invece vuoi imparare a fare una ricerca di parole chiave, iscriviti al SEO BOOTCAMP!

 

 

A presto,

Francesca